Troppo forte Valentino Rossi, anche per il ritrovato Marquez

I 97.000 spettatori di Assen hanno trattenuto il sospiro fino all’ultima curva prima di acclamare Valentino Rossi vincitore del suo 85° GP nella classe regina. Il suo avversario, questa volta, è stato Marc Marquez che fino all’ultimo ha tentato di superare l’italiano. Lo ha fatto al 20° giro, per essere poi superato nuovamente a tre giri dal termine da Valentino.

L’ultimo disperato tentativo lo spagnolo lo ha fatto all’ingresso dell’ultima chicane, la Geert Timmer , infilandosi all’interno di Valentino che, non riuscendo a fare la sua traiettoria ha dovuto tirar dritto, passando nell’erba e andando a vincere con 1,242s  di vantaggio. Nulla da dire, secondo noi, sulla traiettoria di Rossi che ha fatto l’unica manovra possibile per non compromettere la sua gara. Una prova di grande esperienza e freddezza che lo conferma il numero 1 nei testa a testa con qualunque avversario. Vittoria strameritata anche per essere stato in testa alla gara praticamente fin dal via.

Questa volta è toccato a Lorenzo fare una gara in rimonta, riuscendo a risalire in un solo giro dall’ottavo al terzo posto. Ma il passo di Rossi e Marquez era evidentemente troppo e per lui non è arrivato nulla di più del terzo posto finale, a 14.576s da Valentino, che ha ora incrementato a 10 punti il suo vantaggio nella classifica. Mancano 10 prove e tutto può ancora succedere. Il ritrovato Marquez, se si confermerà nel prossimo GP potrà fare da ago della bilancia tra i due alfieri della Yamaha.

 

 

 

 

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca