La MV Agusta è in crisi

Leon Camier MV Agusta SBK

Era nell’aria da tempo e oggetto di vari rumours. Oggi è arrivato il comunicato stampa ufficiale della MV Agusta che annuncia un ‘progetto di ristrutturazione aziendale’ necessario per far fronte agli impegni assunti coi dipendenti e i fornitori. Una situazione quantomeno curiosa, poichè, a quanto dichiara l’azienda varesina: “… il 2015 si è chiuso con un fatturato di 100 milioni di euro e con una crescita del 30% in più rispetto all’anno precedente”. Una crescita superiore a quella del segmento. “Per dare a questo successo visibilità, contenuti e il maggior potenziale possibile sui mercati emergenti”, prosegue il c.s. MV Agusta, “abbiamo investito oltre il 15% del fatturato annuo nel settore ricerca & sviluppo, per entrare in nuovi segmenti e garantire l’eccellenza, gli standard qualitativi e le prestazioni che ogni appassionato si aspetta da questo marchio”.

E prosegue con la parte più importante: “MV Agusta ha deciso di preservare il suo valore, i suoi dipendenti e i suoi creditori richiedendo l’ammissione al concordato in continuità che permetterà alla società di potersi ristrutturare e generare flussi positivi al servizio della crescita e dei propri stakeholders (…) MV Agusta è un’azienda in pieno sviluppo, forte di un portafoglio ordini 2016 e di un backorder generato dai nuovi modelli che segna un +42% rispetto all’anno precedente, nonché dell’incremento nel retail, a Marzo, del +36% rispetto al 2015”.

Condurre le aziende in questi periodi non è facile e servono manager oculati e fortemente motivati a consolidare soprattutto lo know-how, ovvero ciò che di più concreto esiste all’interno di un’impresa, specie di quelle che fanno della tecnica la loro bandiera. Auguriamo a tutti i dipendenti di superare brillantemente questo difficile momento.

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca