Moto Guzzi V7 II Stornello

Era il 1967 quando Moto Guzzi introdusse lo Stornello Scrambler America, una versione più fuoristradistica nata sulla base tecnica dello Stornello, ma meno specialistica del modello chiamato Regolarità e quindi dedicata a un pubblico davvero eterogeneo. In realtà Moto Guzzi aveva esplorato ancor prima la possibilità di creare, sulla base di un modello da strada, una versione adeguata al soft offroad, con la Lodola nel 1957, la monocilindrica disponibile anche in versione Regolarità, adattata alla diversa destinazione con poche ma mirate modifiche, come le ruote artigliate, la sella piatta e lunga, oltre allo scarico alto aderente al veicolo.

È l’alba di una nuova serie di motociclette che confluiranno presto nel nuovo segmento delle scrambler. Questa è un’ulteriore dimostrazione di come Moto Guzzi, durante la sua lunga storia di successi commerciali e sportivi iniziata nel 1921, abbia precorso i tempi senza seguire le mode, indicando spesso la strada tecnica e stilistica che avrebbero poi seguito tutti. Il nuovo Stornello va a completare la già ampia gamma di motociclette V7 II, beneficia di tutte le migliorie introdotte sulle V7 II, compreso l’ultimo riposizionamento del propulsore nel telaio. Il suo bicilindrico è stato dotato di una nuova frizione e un cambio a sei rapporti. L’equipaggiamento di serie comprende ABS e traction control, il peso complessivo dichiarato che si attesta sui 186 kg.