La Ducati XDiavel al 76° Sturgis Motorcycle Rally

2
Ducati, con la nuova XDiavel, è stata presente al 76° Sturgis Motorcycle Rally (in programma dall’8 al 14 agosto a Sturgis, in South Dakota – USA), il raduno motociclistico più importante degli Stati Uniti, ma anche l’evento cruiser più rilevante al mondo. Nato nel 1938, lo Sturgis Motorcycle Rally ogni anno richiama oltre mezzo milione di motociclisti che, provenendo da ogni parte del mondo, si ritrovano per celebrare e condividere la comune passione.

Per Ducati si tratta della prima partecipazione, in forma ufficiale, allo Sturgis Motorcycle Rally, dove è stata presente con tutto il mondo XDiavel. Con la nuova XDiavel le Black Hills, le colline che circondano Sturgis, sulle quali sono “disegnate” alcune delle strade più famose per i motociclisti d’oltreoceano, sono diventate ancora più… “black”.

L’inconfondibile design che contraddistingue la XDiavel, recentemente premiato con il “Red Dot Award 2016”, viene avvicinato ulteriormente alla cultura motociclistica americana dal noto customizzatore californiano Roland Sands che, proprio a Sturgis, insieme a Ducati, ha presentato la sua speciale interpretazione della cruiser bolognese.

La special presentata è una sorta di logica evoluzione per Roland Sands, da sempre affascinato dalla cruiser Ducati, per cui ha disegnato una linea di esclusivi accessori e componenti speciali, già disponibili nel catalogo Ducati Performance.

3

“Sturgis è un evento unico al mondo dove i motociclisti possono stare assieme e condividere la propria passione” ha detto Jason Chinnock, CEO di Ducati North America. “La RSD XDiavel è una delle special più belle che si possano vedere e per noi è stato un onore portarla in South Dakota. Roland Sands Design è un partner importante per Ducati, ogni sua realizzazione, proprio come la XDiavel customizzata presentata a Sturgis, è un esempio di sofisticato design e di alta artigianalità. Siamo stati onorati di offrire a tutti gli appassionati questa anteprima”.
 
“La XDiavel è una belva. Un lupo travestito da agnello, un mezzo ultra-veloce”, ha detto Roland Sands, proprietario della RSD e lead designer per le moto special. “Volevamo mantenere centrali tutti gli incredibili contenuti tecnologici e non alterare il progetto originale eliminandoli. Quindi la moto rimane vicina a quella di serie da un punto di vista funzionale e prestazionale. La customizzazione ha richiesto tre mesi di lavoro e una serie di attente considerazioni sulla direzione da prendere. Alla fine quello che abbiamo tentato di fare è dare all’estetica un cambio deciso mantenendo la maneggevolezza e le performance della XDiavel originale. Sono orgoglioso di poter dire che è esattamente quello che abbiamo ottenuto”.

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca