Novità Kawasaki a INTERMOT 2106: Ninja 650

Kawasaki compie un passo avanti nel settore delle ‘medie’ con la presentazone della Ninja 650, degna erede della famiglia di supersortive della Casa giapponese.

hi_17ex650k_44sog1drs2cg_c

Monta un motore bicilindrico bialbero di 649cc DOHC otto valvole raffreddato a liquido con prestazioni ottimizzate ai medi regimi (3.000- 6.000 giri/min ). Le tarature del motore contribuiscono anche all’eccellente efficienza del carburante. Il chilometraggio WVTA è pari a 23,4 km/L. I corpi farfallati da 36 mm montanbo valvole secondarie a farfalla. Gli iniettori a nebulizzazione fine producono particelle da 75 µm. Non sono ancora noti i valori di potenza e coppia.

Grazie al telaio completamente ridisegnato, la nuova Ninja 650 pesa 193,1 kg (190,6 kg per i modelli senza ABS). Progettati utilizzando la nuova tecnologia di analisi FEM proprietaria di Kawasaki, il telaio a traliccio (peso 15 kg) e il forcellone sono stati essenziali per ottenere la maneggevolezza superleggera della Ninja 650.

La sospensione anteriore è caratterizzata da una forcella telescopica con steli da 41 mm. La sospensione posteriore Horizontal Back-link offre una maggior progressività.

Freno anteriori a doppio disco a margherita da 300 mm e posteriore a singolo disco a margherita da 220 mm.

 

Disponibile in cinque colori: Lime Green (verde), Ebony (nero) (edizione KRT), Metallic Spark Black (nero), Pearl Blizzard White (bianco) e Candy Burnt Orange (arancione).

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca