StopGo per inquinare meno

Ape STOPGO_SKF

StopGo1La SKF è un’azienda che ha nel suo DNA il rispetto dell’ambiente, iniziando dall’interno. Un programma preciso e in vigore da decenni pone come prioritario, alla fine di ogni anno non soltanto verificare l’aumento della produzione e del fatturato ma anche ciò che i vari stabilimenti sparsi in tutto il mondo hanno fatto per ridurre l’impatti verso l’ambiente. Sia esso sottoforma di minori emissioni oppure di riciclo di energia altrimenti persa. Una lezione anche per le industrie italiane che, come dimostrato da casi ecclatanti in questi giorni sulle cronache dei nostri giornali, hanno tanto da imparare sulla prevenzione degli infortuni e l’ecologia, due aspetti che assolutamente non separabili. Non stupisce quindi l’annuncio che il dispositivo SKF StopGo, un prodotto del Portfolio SKF BeyondZero, riduca le emissioni di CO2 di 5 g al chilometro. Che si chiami Start&Stop o Stop&Go si tratta di un dispositivo che arresta e avvia il motore nelle soste che superano un determinato tempo. Nulla di nuovo, dunque, ma di innovativo sicuramente si. Il dispositivo, infatti, è da considerare come un cosiddetto “retro-fit” ovvero può essere applicato, con le dovute cautele a ciclomotori che all’origine non lo prevedevano. Secondo le prove condotte da SKF su un campione di motocicli di cilindrata 125-150 cm3 utilizzati nel traffico urbano indiano per un anno, con una percorrenza annuale pro-capite di 7.875 chilometri, questa soluzione porta ad una riduzione di 36 kg/anno di CO2. Se un milione di motocicli fosse dotato della soluzione SKF, la riduzione sarebbe pari a 36.000 tonnellate di CO2 all’anno. Un risultato di proporzioni evidenti, non la classica goccia nel mare… L’SKF StopGo è un sistema di cuscinetto sensorizzato tre-in-uno che svolge la funzione di un cuscinetto, di sensore di velocità e di stop-start. L’unità si monta all’interno del mozzo della ruota anteriore, come un cuscinetto standard, ed è collegata tramite un connettore plug-and-play all’elettronica stop-start del motore.  “La tecnologia dell’SKF StopGo riafferma il nostro impegno a fornire soluzioni sostenibili e ad aiutare i nostri clienti e utenti finali a ridurre le emissioni di anidride carbonica” afferma Harsha Kadam, Direttore della Automotive/Two Wheeler Business Unit. E aggiunge: “Questa soluzione per il segmento delle due ruote spegne il motore quando il veicolo si ferma, per esempio al semaforo, e lo riavvia quando si aziona l’acceleratore”. L’SKF StopGo è un’unità personalizzabile e pronta al montaggio, che può essere assemblata davvero facilmente sia dagli OEM sia utilizzata come retrofit per una vasta gamma di modelli di due ruote già in circolazione. Il sistema può essere applicato a un’ampia fascia di motocicli, indipendentemente dalla cilindrata.

Oltre a rilevare la velocità per la funzione stop-start, l’SKF StopGo fornisce informazioni sulla velocità per i tachimetri digitali, che stanno sostituendo sempre più i sistemi analogici nei modelli a due ruote anche di fascia economica. Questa nuova soluzione integrata offre inoltre vantaggi di risparmio di peso fino al 60% rispetto ai numerosi componenti meccanici singoli che sono attualmente necessari per supportare la ruota anteriore e rivelarne la velocità. Per saperne di più sul programma SKF BeyondZero e su come ridurre l’imatto ambientale nel senso più generale del termine visitate il sito www.beyondzero.com.