Le Aprilia indietro a Brno ma il passo di Aleix Espargarò c’è

Aprilia

A Brno, Aleix Espargaró ha portato la sua Aprilia RS-GP direttamente in Q2 col settimo tempo (1’55.871, a soli 5 decimi dal capofila Marquez).

Ma nella Q2 Aleix è incappato in una scivolata, proprio all’ultima curva e mentre il cronometraggio lo dava in linea con un piazzamento nelle prime due file. Partirà dunque dalla quarta fila con l’11esimo tempo in 1’56.355, crono realizzato al secondo giro del turno finale, prima di tentare il time attack decisivo.

Anche Sam Lowes è scivolato durante la qualifica (Q1) e domani la sua Aprilia partirà dalla ottava fila, frutto del 22esimo crono in 1’57.465.

Aprilia

ALEIX ESPARGARO’
“Oggi la pista era molto scivolosa, a causa dell’alta temperatura e dell’asfalto non perfetto, un po’ come Jerez o Barcellona. Il nostro maggiore problema è che quando rilascio il freno fatico a trovare grip con l’anteriore. Nelle FP4 abbiamo provato qualche modifica alla geometria ma senza trovare beneficio. In qualifica ho dato il 100%, stavo completando un buon giro ma sono scivolato proprio all’ultima curva. Nonostante tutto il nostro passo è buono, credo che fra la quarta e la decima posizione ci sia veramente poca differenza tra i piloti e questo prefigura una gara durissima. Domani sarà importante gestire bene la strategia: se dovesse essere asciutto, gli ultimi giri a gomme usurate saranno cruciali, mentre se fosse bagnato potrebbe succedere di tutto. Personalmente preferirei la prima opzione, ma non siamo andati male nemmeno con la pioggia”.

Aprilai

SAM LOWES
“Il primo giro in qualifica è stato abbastanza buono, nel secondo run sono scivolato mentre mi stavo migliorando. Purtroppo con queste condizioni di pista sia io che Aleix fatichiamo a trovare il giusto feeling con l’anteriore, stasera ne parleremo durante il briefing tecnico per cercare una soluzione. Domani prevedono un abbassamento della temperatura, e questo sarebbe positivo per noi, mentre se dovesse piovere da un lato so di essere veloce ma mi piacerebbe ottenere un buon risultato in condizioni “normali”. L’obiettivo è la zona punti, siamo tutti molto vicini e il mio passo oggi è stato costante, quindi abbiamo buone possibilità di lottare per una buona posizione. Il piede infortunato ieri mi ha limitato un po’ stamattina, ma già nel pomeriggio le cose sono migliorate e credo che domani non rappresenterà un grosso problema”.

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca