Week end non facile per l’Aprilia RS-GP in Austria. Espargarò 13°

Aprilia

 

Dalla ventesima casella di partenza fino al tredicesimo posto finale: questo il riassunto della gara di Aleix Espargarò e la sua Aprilia. Una battuta d’arresto dopo una serie di risultati promettenti. 

Il potenziale della Aprilia RS-GP e del pilota spagnolo non sono comunque intaccati dalla gara odierna, segnata anche da un difficile avvio con un pneumatico non testato nelle prove. Una reazione tecnica che consente di lasciare l’Austria con un piazzamento a punti, la quarta posizione nella classifica Costruttori e la voglia di tornare, già a Silverstone, sui livelli mostrati fino ad oggi.

Sam Lowes, dopo un buon avvio, ha sofferto particolarmente il degrado della gomma posteriore, che lo ha costretto a rallentare molto il suo passo accontentandosi di concludere la gara in ventesima posizione.

Aleix Espargarò: “Ho sofferto molto, specialmente all’inizio quando mi sono ritrovato praticamente ultimo. Facevamo fatica nelle accelerazioni da bassa velocità, quindi dovevo recuperare terreno in staccata. Dopo qualche giro ho iniziato a sentirmi meglio, sorpassando molti piloti e impostando un buon passo. La posizione finale non mi soddisfa, abbiamo il potenziale per stare molto più avanti, ma credo che il vero problema sia stata la qualifica di ieri. Partire ventesimo, in un circuito come questo, rende tutto più difficile. Abbiamo raccolto punti, non è ovviamente il nostro obiettivo ma nel percorso di crescita una gara sfortunata ci può stare”

Aprilia

Sam Lowes: “La prima parte di gara è stata la migliore da quando sono in Aprilia. Sia come posizione che come ritmo non ero distante dal mio compagno di squadra, e stavo recuperando. Purtroppo abbiamo scelto la gomma posteriore sbagliata, con la morbida all’inizio mi sentivo bene ma poi il grip è crollato e, sostanzialmente, ho dovuto gestire gli ultimi 12 giri per vedere la bandiera a scacchi. Spiace per il risultato ma è, per noi, una ennesima lezione importante sulla gestione del weekend. Ora penso alla mia gara di casa, Silverstone, dove le motivazioni saranno molto alte”.

Romano Albesiano: Il weekend è partito bene venerdì, mentre sabato abbiamo scelto una strada tecnica livello di regolazione della moto che non ha dato le risposte sperate. Questo ha condizionato la qualifica, questa mattina nel warmup siamo tornati ad un assetto standard che Aleix conosce bene e la prestazioni si è ristabilita. In gara abbiamo giocato il jolly della gomma dura al posteriore, mai provata durante il weekend, che Aleix ha dovuto imparare a conoscere nei primi giri. La prestazione finale non è ovviamente in linea con il nostro livello, ma contiamo di riprendere il nostro trend già da Silverstone”.

 

Aprilia

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca