Davies e la Ducati Panigale vincono Gara 1 a Lausitzring. Fondamentale la scelta delle gomme Pirelli

Ducati

E’ salito nuovamente sul gradino più alto del podio all’EuroSpeedway Lausitz (Germania) con Chaz Davies. Con la vittoria di Gara 1, Chaz Davies  e il team Aruba.it Racing-Ducati hanno conquistato la quinta vittoria stagionale. Davies ha preso il comando della gara nel corso del secondo giro per poi staccare progressivamente Rea e Sykes in virtù di un ritmo costante in 1’37 basso. Johnny Rea sembrava in grado di tenere il passo della Ducati di Davies fino alla fine, per tentare il sorpasso, ma a pochi giri dal termine la spalla destra del pneumatico si è degradata al punto da obbligarlo a rallentare per conservare il secondo posto. Terzo Sykes che non è mai parso in grado di attaccare il compagno di squadra.

Ducati

Gara più difficile per Marco Melandri, la cui Ducati è giunta quarto al traguardo. Nonostante il buono spunto alla partenza dalla quarta posizione, l’italiano ha accusato problemi di stabilità su un asfalto particolarmente rovinato e, con il progressivo degrado della gomma posteriore, è stato costretto a giocare in difesa. Melandri partirà così dalla pole position in Gara 2, mentre Davies scatterà dalla nona casella. 

Ducati

Le soluzioni Pirelli scelte dai piloti per Gara 1
In Gara 1, soprattutto per il posteriore, le scelte dei piloti sono state simili. Ad ottenere la maggior parte delle preferenze è stata la SC1 di sviluppo W0051 (opzione B) che i piloti avevano già avuto modo di utilizzare nei round di Motorland Aragón e Assen. Questo pneumatico è stato usato da diciassette dei ventidue piloti schierati in griglia. L’altra soluzione in mescola media, la V1199 (opzione C) è stata scelta solo da Raffaele de Rosa, mentre quattro piloti, tra cui gli alfieri Kawasaki Tom Sykes e Jonathan Rea, nonostante temperature non propriamente ideali per questa soluzione hanno optato per la morbida SC0 di sviluppo W0575 (opzione A) già vista in azione a Laguna Seca.
Per quanto riguarda l’anteriore il pneumatico più scelto è stato la SC1 di sviluppo V0952 (opzione C), seguita nelle preferenze dalla SC1 di gamma (opzione B) e dalla nuova SC1 di sviluppo W0657 (opzione A).

Ducati

 Hanno detto dopo la gara:

Chaz Davies: “Nel giro di allineamento è successo il pandemonio. Ho rischiato di fare un high-side all’ingresso dell’ultima curva perché abbiamo avuto un problema al freno posteriore. I minuti prima della partenza sono stati molto concitati, perché di norma non è possibile risolvere un problema del genere in un tempo così limitato. Fortunatamente ho dei bravi meccanici, che hanno riportato il freno quasi al 100% della funzionalità, abbastanza per consentirmi di guidare come volevo. La partenza è stata molto buona e mi sono trovato in una posizione ideale nei primi giri. Quando ho preso il comando, ho semplicemente provato ad imporre il mio passo senza preoccuparmi dei tempi sul giro, e siamo riusciti a vincere. Il ritmo era buono, ma possiamo ancora migliorare in vista di Gara 2. Partiremo dalla nona posizione, ma credo che su questa pista ci siano vari punti in cui sorpassare. Inoltre, abbiamo lavorato molto sulle partenze. Mi aspetto un’altra gara spettacolare”.

Marco Melandri: “Non è stata una gara facile. Nei primi giri siamo riusciti a restare agganciati al gruppo di testa, ma con il primo calo della gomma posteriore la moto ha iniziato a muoversi molto sulle buche ed ero costretto a dosare il gas, perdendo terreno dai piloti davanti a me. Inizialmente ho provato a compensare staccando più forte nel tentativo di recuperare, ma forzando di più ho fatto qualche errore e rischiato di perdere l’anteriore in un paio di occasioni. Il nostro passo oggi era di 1’37 alto, non potevamo fare di più e sarebbe stato inutile prendere altri rischi. Domani nel WUP proveremo alcune modifiche di setup, l’obiettivo è di restare agganciati ai nostri rivali per tutto l’arco della gara”.  

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca