NITO: la mobilità elettrica sposa il design

NITO

Ci vuole indubbiamente coraggio, e una buona dose di incoscienza, affrontare un’avventura come quella in cui Cesar Mendoza, fondatore di NITO, si è lanciato solo un paio d’anni fa. “Bisogna crederci, innanzitutto, e poi fare in modo che le cose succedano”, ci aveva detto lo scorso anno Cesar, ex direttore dello IED di Torino e persona positiva fino al midollo. C’era proprio bisogno di un altro scooter elettrico? NITO è convinta di sì, perché la mobilità elettrica in città non è ancora diffusa quanto dovrebbe e l’obiettivo della start-tup torinese è di farla diventare addirittura popolare. Come? Con un mezzo su due ruote elementare e accessibile a tutti.

NITO

Nasce così NES. Attenti però. E’ indubbiamente ecologico, semplice e piacevole da guidare, ma soprattutto è bello da vedere e da possedere. Un oggetto di design italiano  che sa essere unico come chi lo usa, grazie alla varietà di personalizzazioni e finiture fra cui scegliere.

Il NES si distingue da tutti gli altri scooter elettrici perché NITO è diversa da tutte le altre aziende. Non è un colosso, tutt’altro, ma condivide lo stesso sogno e lo realizza con un network di esperti professionisti, ciascuno con le competenze necessarie al momento, conservando il dinamismo e la freschezza di una start-up. Ed è così che può mantenere un controllo dei costi tale da poter proporre oggetti di design di elevato valore tecnologico a un prezzo contenuto.NITO

Tra fine febbraio e inizio marzo il NES sarà sul mercato, ma è già prenotabile on line sul sito www.nitobikes.com e sarà visibile dal vero presso una rete di circa trenta dealer italiani che affiancheranno quelli di Germania (dove nel 2018 verranno distribuiti 250 scooter), Repubblica Ceca e Olanda.

Due le versioni disponibili, entrambe omologate per due persone e con un motore da 4 kW: il ciclomotore NES 5 e il motociclo NES 10, che raggiungono rispettivamente i 45 e i 90 km/h. Prezzo? 3.893 € + IVA e 4.303 € + IVA. I tempi di ricarica variano tra le 3 e le 4 ore e l’autonomia è di circa 80 km in modalità eco. Come accessorio è previsto un vano portacasco che per il NES 10 è di serie.

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca