In Qatar la Ducati davanti a tutti. Ed è quella di Dovizioso

Ducati

Una gara fortemente tattica per Andrea Dovizioso, costretto a una rimonta col guanto di velluto per non rovinare le gomme dopo una partenza non troppo fluida. Recuperata la testa in progressione ha dato la sensazione di amministrare la gara forte di una moto perfettamente a punto (come d’altronde tutti gli anni in Qatar) che gli consentiva di avere un po’ più di margine rispetto all’avversario, ovvero il solo Marc Marquez, visto che gli altri non sono mai stati in grado di insidiarlo. Marquez ha dato come sempre tutto il possibile per vincere la corsa, ma per la terza volta Dovizioso all’ultima curva ha incrociato la traiettoria ed è riuscito a uscire dalla curva con quel poco margine che l’accelerazione della sua Ducati Desmosedici GP18 gli ha consentito di tenere fino al traguardo, ovvero 27/1000. Il grido ‘Evvvaiii!’ di Claudio domenicali, visto in diretta, dice tutto sulla soddisfazione del Team italiano per il risultato.

 

Ducati

Grazie alla vittoria di oggi Dovizioso ha superato Loris Capirossi nella graduatoria dei piloti Ducati più vincenti in MotoGP, con otto gare al suo attivo, ed è ora al secondo posto in questa speciale classifica, dietro a Casey Stoner.

Gara da dimenticare per Jorge Lorenzo, che partiva con il nono tempo. Il pilota spagnolo, dopo una partenza complicata, era riuscito a risalire fino alla decima posizione insieme a Viñales e Miller nel corso del dodicesimo giro. Purtroppo un problema tecnico alla sua Ducati Desmosedici GP18 durante la tornata successiva costringeva Jorge alla caduta e al ritiro.

Ducati

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1°: “Sono contentissimo di questa vittoria perché abbiamo confermato i miglioramenti che abbiamo fatto questo inverno e sono riuscito a gestire bene la gara, anche se ho fatto una partenza davvero pessima. Al via ho dovuto chiudere il gas, altrimenti mi sarei scontrato credo con Rins, ma poi ho iniziato a recuperare posizioni su posizioni cercando di non rovinare le gomme. Verso la fine, dopo aver superato Zarco, ho provato a creare un gap su Marquez e Rossi ma non avevo più grip e non sono riuscito a aumentare il mio vantaggio. Nell’ultima curva ho cercato di stare molto attento perché sapevo che Marquez avrebbe provato a passarmi, e in effetti è andata così. Lui ha chiuso la porta ancor più che in Austria e Giappone, ma io sono passato sul cordolo interno e poi ho sfruttato la potenza della mia Desmosedici per rimanere davanti. Ancora una volta una grandissima soddisfazione!”

Ducati

Jorge Lorenzo (Ducati Team #99) – ritirato: “Non è stato un fine settimana dei migliori, per me. Ho avuto molti problemi e la mia caduta è stata conseguenza di un problema ai freni anteriori. Già dal secondo giro mi ero accorto che c’era qualcosa che non andava ed ho provato a gestire la situazione, che però peggiorava sempre di più. Ho pensato ad un problema di surriscaldamento, ma quando stavo per raggiungere Iannone non sono riuscito a fermare la moto e mi sono lasciato cadere per evitare danni peggiori. Adesso dovremo capire bene cosa è successo per evitare che lo stesso problema si possa ripetere nel futuro. Peccato perché stavo girando con dei buoni tempi e credo che mi sarei potuto avvicinare al gruppo di testa.”

Claudio Domenicali (Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding S.p.A.): “E’ stata una gara fantastica! La MotoGP è sempre più bella perché ci sono tanti piloti molto competitivi, ma noi qui a Losail avevamo una moto veramente a posto e davvero molto veloce. Andrea ha guidato benissimo, nonostante una partenza un po’ difficile, e ormai sta dimostrando di avere una maturità agonistica straordinaria e una grande fiducia nella sua moto che gli hanno permesso di gestire la gara perfettamente. Anche Marquez e Rossi sono stati molto bravi, ma oggi DesmoDovi ne aveva davvero di più. Peccato per Jorge, che stava rimontando bene quando purtroppo è scivolato. E’ la prima gara del campionato 2018 e voglio dedicare questa vittoria a tutti i ragazzi di Ducati e di Ducati Corse e ringraziarli per il loro impegno che ha consentito di realizzare questa Desmosedici GP18, che mi sembra già in ottima forma!”

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca