Al Mugello Lorenzo vince alla sua maniera. E’ la prima volta da quando è in Ducati

Ducati

E stata sicuramente una liberazione: per Jorge Lorenzo che non vedeva per primo la bandiera a scacchi dal 2016 e per la Ducati, che ha visto finalmente, il suo pilota di punta fare ciò per il quale è stato ingaggiato, ovvero vincere. Sarà la prima di una serie? Chi lo sa. Di certo vedere Lorenzo così in forma (resta a mio giudizio il pilota più bello da vedere in sella a una MotoGP) fa ben sperare per il futuro. Peccato che la cristallina vittoria di oggi, con Dovizioso che per una volta ha rinunciato al ruolo di primadonna per fare da scudiero al suo compagno, sia stata un po’ offuscata da qualche discutibile dichiarazione delle parti in Tivù. Cosa che, come leggerete nelle note più sotto, sembra archiviata. Meglio così: Lorenzo e Domenicali sono dei professionisti e come tali devono ottenere il massimo dai propri ruoli senza innescare inutili polemiche che alimentano solo la penna (o la tastiera) di chi di queste cose ne fa motivo di esistenza. Di certo le manovre di ‘mercato’ a stagione appena iniziata contribuisco a destabilizzare gli equilibri delle squadre e per questo sarebbe auspicabile maggiore discrezione.

Jorge Lorenzo, scattato perfettamente dalla prima fila, ha dominato il GP d’Italia restando in testa dal primo all’ultimo giro ed ha così conquistato la sua prima vittoria su Ducati. Secondo posto per Andrea Dovizioso, che partiva dalla terza fila. Il pilota romagnolo è transitato sul traguardo del primo giro in quinta posizione e si è poi avvicinato a Lorenzo nel corso del settimo passaggio, ma non è riuscito ad attaccare il compagno di squadra e nell’ultimo giro ha difeso la seconda posizione dall’attacco di Rossi, che partito in pole non è riuscito a ottenere nulla più  del terzo posto.

Grazie a questo risultato Dovizioso risale al quarto posto in classifica generale, con 66 punti, mentre Lorenzo raggiunge la decima posizione con 41 punti.

Ducati

Jorge Lorenzo (Ducati Team #99): “Sono molto felice! Ieri avevo detto che vincere al Mugello con la Ducati per me era un sogno e oggi questo sogno si è realizzato. E’ una delle vittorie più speciali di tutta la mia carriera, probabilmente pari alla prima vittoria in 125 nel 2003 e a quella del 2008 in MotoGP. Sono davvero molto emozionato e contento per la squadra, perchè è stato fantastico ottenere questa vittoria sulla pista di casa della Ducati dopo un fine settimana molto impegnativo. Questa mattina mi sono reso conto che ce la potevamo fare e, anche se ero preoccupato per il rendimento degli pneumatici, ho deciso di spingere da subito, come è il mio stile, e tutto è andato alla perfezione. Non posso chiedere di più e dovremo celebrare questo successo alla grande. Era da troppo tempo che non riuscivo a vincere e ci sono riuscito alla mia maniera. Ho passato momenti difficili ma ci ho sempre creduto, vedevo che ogni volta eravamo più vicini, e alla fine ce l’abbiamo fatta!” 
Ducati                    
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04): “A dire la verità oggi mi aspettavo più del secondo posto, ma alla fine in gara abbiamo trovato delle condizioni più calde di ieri e quindi abbiamo avuto dei dubbi sulla scelta della gomma anteriore. Io e Rossi abbiamo fatto una scelta più conservativa, montando la gomma più dura, ma purtroppo non funzionava bene. Valentino ha rischiato di cadere due volte davanti a me ed io, quando ho provato a spingere per prendere Jorge, non riuscivo ad essere veloce in inserimento e quindi in percorrenza. Inoltre ho usato troppo la gomma posteriore e a fine gara ho dovuto gestire anche questo problema. In ogni caso abbiamo ottenuto un buon secondo posto e ridotto il nostro distacco da Marquez in classifica. Voglio fare i miei complimenti a Jorge, che ha fatto una gara stupenda ed è stato molto bravo e  preciso, gestendo le gomme alla perfezione.”

Claudio Domenicali (A.D. di Ducati Motor Holding): “Sono molto felice per la vittoria di Jorge perché è un ragazzo straordinario e fino ad oggi non era ancora riuscito a dimostrare il suo grande talento su una Ducati. Oggi abbiamo visto il vero Lorenzo: i ragazzi del team sono stati molto bravi a trovare una combinazione ideale e lui ha saputo interpretarla al meglio. Jorge ha fatto una gara alla sua maniera, una di quelle in cui non c’è ne per nessuno. Sono anche molto contento per il secondo posto di Andrea, perché con questa fantastica doppietta al Mugello abbiamo ottenuto il migliore risultato di sempre sulla pista toscana. Le nostre due moto ufficiali davanti a tutti premiano il lavoro di tutti i ragazzi in fabbrica e in Ducati Corse, e di tutta la Ducati che sta facendo una sforzo straordinario per crescere ancora, e credo che questa giornata bellissima ci ripaghi anche delle gare più difficili come gli ultimi due GP.”

Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse): “Per prima cosa voglio ringraziare di cuore tutti i ragazzi di Ducati Corse che con il loro grande lavoro hanno contribuito allo straordinario successo di Jorge e Andrea qui al Mugello. Vorrei che fossero tutti con noi, per poterli abbracciare e condividere con loro questo incredibile risultato.”

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca