L’Aprilia di Espargarò parte dalla terza fila ad Assen

Aprilia

Non male Aleix Espargaró e la sua Aprilia RS-GP nelle qualifiche per il GP d’Olanda. Competitivo sin dalla FP3, Aleix ha conquistato l’accesso diretto alla qualifica decisiva per le prime file. Nella qualifica Q2 il numero 41 ha fatto ancora meglio, con un ultimo giro spettacolare che ha visto tutti i top riders sfidarsi su tempi estremamente ravvicinati. Aleix ha chiuso col gran crono di 1’33.029 (a 238 millesimi dalla pole!) che gli è valso il settimo tempo e la terza fila. E’, per ora, il suo migliore risultato in prova in questa stagione.

Migliorato l’assetto della sua Aprilia RS-GP, Scott Redding ha disputato una buona qualifica in Q1, girando con tempi decisamente migliori rispetto a quanto realizzato nei turni precedenti, chiudendo in 1’33.995 e piazzandosi in sesta fila.

Aprilia

Aleix Espargarò: “Sono davvero molto contento. E’ solo la qualifica ma il settimo posto in griglia, a due decimi dalla pole, è un risultato fantastico. Mi sono divertito guidando perché dopo un inizio di stagione difficile abbiamo cercato di approcciare il weekend con maggiore tranquillità, cercando di migliorarci costantemente sessione dopo sessione e ha funzionato. Abbiamo fatto un gran lavoro ieri e abbiamo continuato oggi. Abbiamo raggiunto un bel passo gara e anche in qualifica abbiamo dimostrato che ci siamo. Per domani dovremo mantenere questo approccio, sul passo siamo tutti molto vicini e con una buona partenza possiamo pensare di lottare per posizioni importanti ma altrettanto importante sarà finire la gara”.

Aprilia

Scott Redding: “Oggi per noi è stata una buona giornata. Abbiamo guadagnato un po’ di stabilità, quello che ci era mancato ieri. Ci siamo concentrati sul lavoro con le scelte di gomma che mi danno più fiducia, senza grossi stravolgimenti ma costruendo il risultato passo dopo passo. Per quanto riguarda il ritmo riusciamo ad essere costanti, mentre ci manca qualche decimo a gomma nuova. Nelle FP3 di stamattina ci è mancato un riferimento, su questa pista e con questo vento essere dietro a qualcuno fa davvero la differenza. Domani sarà importante rimanere nel gruppo, i tempi sono piuttosto vicini se escludiamo alcuni piloti molto più veloci. Riuscendo a non perdere terreno, sarà possibile giocarsela nel finale”.

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca