Jorge Lorenzo sbanca Misano: sua e della Ducati Desmosedici la pole

Ducati

Jorge Lorenzo è un fuoriclasse. E alla Ducati lo sanno. Basta aver visto in TV il pittoresco commento di Davide Tardozzi, al termine delle prove. Il giro veloce perfetto fatto a Misano, quello che gli è valsa la pole position (la terza quest’anno) per il Gran Premio di San Marino consacra un campione ritrovato. Quello che quando, come adesso, è in perfetta simbiosi con la moto, non teme rivali.

Ducati

Il suo crono di 1:31.629 è il nuovo record della pista e fa raggiungere al Ducati Team le 40 pole complessive nella sua storia in MotoGP. Onore al merito alla Casa italiana che ha davvero creato un ‘pacchetto’ vincente che in questo scorcio di stagione è protagonista assoluto.

Seconda fila per Andrea Dovizioso, quarto al termine delle Q2 con il tempo di 1:32.003 mentre Michele Pirro, wild card a Misano con la Desmosedici GP del Ducati Test Team, è scivolato nel corso del turno di Q1 e si è dovuto accontentare del quattordicesimo posto e della quinta fila per la gara.

Jorge Lorenzo (Ducati Team #99): “Sono molto contento ed orgoglioso di questa seconda pole consecutiva, la terza della stagione, perchè è la conferma che stiamo lavorando molto bene, abbiamo migliorato molti dettagli, e adesso abbiamo a disposizione una moto competitiva che ci consente di ottenere dei tempi come quello di oggi a Misano. Mi aveva già impressionato il crono ottenuto nella mia prima uscita con lo pneumatico medio, ed ero in dubbio se utilizzare o meno anche quello soft, ma alla fine lo abbiamo montato nella mia terza uscita e sono riuscito a migliorare ulteriormente il mio crono ed ho ottenuto il record della pista. Al di là delle mie buone sensazioni, credo che la gara di domani sarà molto combattuta e fisica e sarà importante la scelta delle gomme per riuscire ad essere veloci e costanti.”

Ducati

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04): “Tutto sommato è stata una giornata produttiva, sia questa mattina che oggi pomeriggio. Nelle qualifiche purtroppo non sono riuscito a fare un giro perfetto perché mi è mancata un po’ di fluidità. Peccato perché la mia moto era veloce e quindi si poteva fare meglio. Però per domani siamo messi bene come passo e siamo nel gruppetto di testa. Poi, come spesso accade, saranno i dettagli a fare la differenza perché ci sono almeno quattro o cinque piloti che possono giocarsi il podio e la vittoria domani.”

Michele Pirro (Ducati Test Team #51): “Sono deluso perché non sono riuscito ad entrare nella Q2 anche se avevo il potenziale per fare un buon tempo. Purtroppo sono scivolato mentre cercavo di limare qualche decimo, ma in generale sto ritrovando la velocità e quando ho la possibilità di girare riesco a migliorare sempre. Adesso abbiamo davvero una gran moto, e devo solo cercare di sfruttarla al meglio visto che non ho avuto la possibilità di guidarla in gara in questi mesi. Domani cercherò di fare una gara costante e di tenere un buon ritmo visto che nel turno delle FP4 ero abbastanza in linea con il gruppetto dei primi.” 

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca