Torna la Katana: nel futuro Suzuki c’è un nome del passato

Suzuki

La KATANA del 1981 è una tra le moto più iconiche della storia ed è sempre rimasta nel cuore di Suzuki. Oggi quel concetto che stupì il mondo rivive su una moto moderna che ripropone i tratti scultorei della prima generazione, che sembravano futuristici nel 1981 e oggi mantengono un fascino immutato.

Suzuki

Il progetto della nuova KATANA prende le mosse dalla KATANA 3.0 CONCEPT, realizzata da Engines Engineering su disegno dell’italiano Rodolfo Frascoli ed esposta a EICMA 2017.

Il cupolino, che ospita un faro a LED, rende un tributo all’antenata, con una forma che richiama per certi versi la tradizionale spada giapponese. Anche gli accenti rossi e la sella bicolore, questa volta appoggiata su un moderno codino essenziale, sono un omaggio alla prima KATANA.

L’altezza della sella di 825 mm, i fianchi snelli e la particolare conformazione del serbatoio permettono di poggiare bene i piedi a terra. La plancia della KATANA adotta una strumentazione multifunzione, con un pannello LCD che fornisce al pilota tutte le informazioni necessarie in modo chiaro, in ogni condizione meteo e di luce.

Suzuki

E’ una sportiva
La KATANA utilizza la base meccanica della celebre Suzuki GSX-R1000 K5 del 2005, una moto dalle prestazioni eccezionali. Gli ingegneri di Hamamatsu hanno lavorato a lungo su questo quattro cilindri, trovando una messa a punto ideale per un impiego stradale, grazie anche all’adozione di un impianto di scarico 4-in-2-in-1 con uno spettacolare silenziatore nero che punta verso l’alto. La potenza massima è di 150 CV, abbinata a risposte dolci all’acceleratore e a una grande disponibilità di coppia ai bassi e ai medi regimi, per un guida piacevole ed emozionante a qualsiasi andatura. Suzuki

Le dimensioni contenute del motore hanno permesso di realizzare un telaio in alluminio a doppio trave rigido e molto compatto, che collega in modo diretto il cannotto di sterzo al forcellone. Quest’ultimo è ereditato dalla GSX-R1000 del 2016 e sostiene direttamente il braccetto laterale portatarga, che integra gli indicatori di direzione.

La forcella KYB a steli rovesciati da 43 mm è completamente regolabile, mentre il monoammortizzatore permette di intervenire sul precarico molla e sul freno idraulico in estensione. Un altro componente di pregio sono le pinze freno anteriori Brembo ad attacco radiale, che lavorano assieme a un evoluto ABS Bosch. Non manca il controllo di trazione.

Suzuki

La dotazione standard della KATANA comprende inoltre il Suzuki Easy Start System e il Low RPM Assist, che facilitano avviamenti e partenze.

Con la KATANA Suzuki forgia dunque una nuova leggenda della strada, vestendo il meglio della tecnologia moderna con uno stile unico e inconfondibile. Suzuki

Accessori
La nuova KATANA si presta bene alle personalizzazioni e Suzuki ha già predisposto un ricco catalogo di accessori originali, utili ad esaltarne il lato sportivo, senza dimenticare il comfort. Si possono scegliere per esempio le pinze freno rosse, un rivestimento della sella a sua volta con inserti rossi oppure componenti in carbonio, un parabrezza fumé, le manopole riscaldabili o le protezioni adesive per il serbatoio.

Suzuki

franco daudo

Redazione: Moto Tecnica Moto Storiche & d'Epoca